avatar

Tutti i rischi del trading online e perché i CFD sono la truffa del secolo

"Trading online in CFD", chi si imbatte alla ricerca di investimenti online avrà sicuramente notato questa frase. In tanti, sopratutto piccoli risparmiatori, sono caduti nella trappola di uno degli strumenti finanziari più rischiosi che sia mai esistito.

I CFD, "contratti per differenza", sono contratti in cui due parti (un investitore e un broker) decidono di scambiarsi la differenza tra il prezzo iniziale e il prezzo corrente di uno strumento finanziario sottostante.
In sostanza, il CFD si configura come un derivato finanziario che replica il prezzo di azioni, valute, criptovalute, indici, e materie prime. E fin qui, non c’è nulla di strano.

La vera nota dolente dei CFD riguarda l’utilizzo della leva finanziaria che espone l’investitore alla concreta possibilità di perdere integralmente il capitale investito. (Vedi approfondimento alla fine dell’articolo)

La necessità di segnalare i rischi dei CFD ci è giunta da un nostro follower sui social:


 

“Da anni intraprendo una lotta contro gli strumenti a leva, come i vari CFD messi a disposizione da broker poco trasparenti con sede a Cipro. Ho conosciuto tanti piccoli risparmiatori che hanno bruciato centinaia di migliaia di euro nel trading online, credendo che investire sia come giocare d’azzardo. La realtà è ben diversa e spero che chi investe possa rendersi conto che un piccolo guadagno sia molto meglio rispetto ad una grande perdita di risparmi”.

L.T.


La confessione del nostro lettore è senz’altro utile per comprendere a cosa si può andare incontro in un investimento in CFD. Ma se questo non fosse ancora sufficiente, basta tenere a mente che la SEC (Security Exchange Commission), l’equivalente alla nostra Consob negli Stati Uniti, ha vietato la vendita dei CFD sul mercato americano.


Investitore avvisato…



 

Approfondimento: come funziona un CFD?

Vediamo in concreto come funziona un CFD. Supponiamo che il prezzo iniziale di un’azione “X” sia di $20 e un CFD viene scambiato su una quantità di 100 azioni. Assumendo che la leva finanziaria sia fissata a 1:50, l’investitore aprirà la posizione con un margine di $40 (anzichè $2000).

Se il prezzo dell’azione dovesse scendere a $19,6 (-2%), un ribasso fisiologico nell’arco di una seduta giornaliera, l’investitore in CFD avrebbe perso integralmente il capitale investito. 



Se non vuoi perdere i prossimi articoli e aggiornamenti dal blog, iscriviti alla nostra newsletter

RICEVI IL MEGLIO DI RISPARMIAMOCELO!

Informativa ai sensi dell'articolo 13 del Regolamento (UE) 2016/679
Pubblicato il 21 dicembre 2017 da Elisabetta Villa staff