Rimani sempre aggiornato

Per te, ogni due settimane, una selezione dei migliori articoli del blog.

Informativa ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. 196/03

Seguici

L’emergenza più grave per l’Italia si chiama “NEET”

Chi sono i NEET e perché rappresentano un problema molto serio per l'economia italiana di oggi e di domani?

di Piero Cingari - 10 Aprile 2019 - 3'

Il termine NEET, acronimo inglese che sta per “neither in employment nor in education or training”, è un indice che misura la proporzione di giovani tra 15 e 29 anni che non lavora, non studia e non svolge corsi di formazione professionale.

In generale, i giovani sono tra i gruppi più vulnerabili, con bassi tassi di occupazione e con ridotte tutele sul lavoro (ad esempio, a causa di contratti temporanei).

Stando alle ultime rilevazioni della Banca Mondiale, in Italia 20 giovani su 100 non sono iscritti a scuola o all’università né partecipano attivamente al mercato del lavoro. Stiamo parlando di una percentuale che ci colloca penultimi in Europa.

Persino la Grecia, paese che ha vissuto una devastante crisi economica e sociale, mostra una percentuale di NEET più bassa rispetto all’Italia e soltanto la Macedonia ci sorpassa. A livello mondiale siamo messi peggio di Argentina, Ucraina e Cameroon.

Com’è cambiata la quota di NEET in Italia?

Dagli anni pre-crisi a oggi, la quota di NEET nel nostro paese è sensibilmente in aumento, dal 16% del 2007 al 20% del 2017. In sostanza, negli ultimi dieci anni, circa 250.000 nuovi giovani hanno perso il treno dell’istruzione e si trovano emarginati dal mercato del lavoro. In totale, come detto prima, l’esercito di giovani non occupati e privi di istruzione e competenze qualificata ammonta a circa 1milione e 200mila.

 

NEET e i rischi socio-economici

La crescita dei NEET in Italia ha non soltanto implicazioni negative nel presente ma minaccia anche lo sviluppo sociale, economico e politico del futuro.

La questione dei NEET determina un’erosione delle competenze, in un’era in cui il lavoro qualificato ha assunto un’importanza strategica per la crescita economica. I giovani che non sono occupati, né istruiti e o formati professionalmente subiscono infatti un deprezzamento del capitale umano.

Chi oggi mostra scarse prospettive di lavoro e un basso livello di competenze rischia di cadere nelle “trappole del basso costo” in futuro.

Promuovere l’occupazione, l’educazione e la formazione dei giovani è oggi uno degli obiettivi fissati dall’ONU all’interno del programma Global Development Goals. L’intenzione è infatti quella di ridurre entro il 2030 la proporzione di NEET a livello globale. La speranza è che anche in Italia si possa assistere nei prossimi anni ad un miglioramento delle condizioni sociali ed economiche nei giovani.

Rimani sempre aggiornato

Per te, ogni due settimane, una selezione dei migliori articoli del blog.

Informativa ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. 196/03

Notice: Undefined index: close-forever16501 in /var/www/vhosts/risparmiamocelo.it/httpdocs/wp-content/plugins/paperplane-popup/inc/show-popup.php on line 60