Rimani sempre aggiornato

Per te, ogni due settimane, una selezione dei migliori articoli del blog.

Informativa ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. 196/03

Seguici

Boom di investimenti nel Fintech: ecco le app Made in Italy più scaricate…

La nuova frontiera della finanza digitale e tecnologica (Fintech) sta vivendo un boom di crescita a livello globale. Scopriamo da vicino quali sono le app fintech italiane più scaricate negli store...

di Piero Cingari - 6 dicembre 2018 - 6'

È stato un anno record per gli investimenti nel Fintech, termine che racchiude tutti i nuovi prodotti e servizi che riguardano la finanza digitale e tecnologica.

Nei primi 9 mesi del 2018, in tutto il mondo sono stati investiti 54 miliardi di dollari in progetti di finanza digitale e tecnologica, con una crescita del 66,9% rispetto all’anno precedente. Ant Financial, FinTech con sede in Cina, è la società che ha raccolto più di tutte: 14 miliardi di dollari da un fondo di private equity.

Ma anche l’Europa e l’Italia, costituiscono oggi un terreno molto fertile per la crescita del Fintech.

Nuovi player si fanno largo offrendo nuovi servizi di pagamento, risparmio e investimento. L’obiettivo è quello di rispondere adeguatamente alle esigenze dei nuovi nativi digitali (Millennial) rivoluzionando i tradizionali servizi offerti fino ad ora.

Scopriamo insieme le app italiane Fintech più scaricate dai giovani Millennial…

Gimme5

Che cos’è Gimme? Gimme5 è l’app salvadanaio digitale che ti permette di risparmiare e investire in prodotti finanziari diversificati, i fondi comuni di investimento.

Perché investire con Gimme5? Fino ad oggi infatti investire direttamente sui mercati finanziari è stata una possibilità riservata a coloro che disponevano di grandi capitali. Gimme5 ribalta questa concezione offrendo un servizio di investimento a partire da 5 euro alla volta.

Come funziona Gimme5? Si può investire su Gimme5 effettuando un semplice bonifico dalla propria banca. Per i piccoli risparmiatori si tratta dunque di un’opportunità senza precedenti: è possibile investire con un piano di accumulo per raggiungere i propri obiettivi di risparmio attraverso un semplice click dallo smartphone. Per iniziare basta selezionare uno dei tre profili (Breve Termine, Dinamico, Aggressivo) oppure scegliere autonomamente il fondo di investimento più adatto alle proprie esigenze.

Quanto costa Gimme5? Il servizio di investimento offerto da Gimme5 è gratuito mentre i costi dipendono dal fondo selezionato e vanno da una commissione di gestione minima dello 0,3% ad una massima del 2% sul capitale annuo investito.

 

Satispay

Satispay è un’app nata come sistema di pagamento che recentemente si è evoluta per offrire anche nuovi servizi: PagoPA, acquisti online, ricariche telefoniche, donazioni e scambio di denaro tra amici.

A cosa serve Satispay? Satispay è molto utile per la gestione delle spese quotidiane. Con Satispay si può infatti impostare un budget settimanale collegato al proprio conto corrente bancario. Un’interessante funzione di Satispay è quella del Cashback.

Che cos’è il Cashback di Satispay? Il Cashback di Satispay è una percentuale di rimborso che viene accreditata subito dopo aver fatto un acquisto presso i rivenditori presenti nell’app.

Quanto costa Satispay? Satispay è servizio totalmente gratuito per i privati. Per i business ed e-commerce presente dei costi fissi e variabili in base all’importo delle transazioni.

Hype

Hype nasce da un’idea di Banca Sella e dà la possibilità di gestire il denaro in modo semplice e smart.

Come funziona Hype? Si tratta a tutti gli effetti di un conto corrente digitale gestibile dal proprio smartphone. Oltre ad avere un nuovo IBAN, con Hype ricevi una Carta Mastercard Contacless con cui pagare online e in tutti i negozi. La carta Hype può essere aggiunta anche su ApplePay e GooglePay.

Quanto costa Hype? Hype prevede due piani: Hype Start e Hype Plus. Hype Start è gratuito ma prevede dei limiti di prelievo giornalieri e un avvaloramento massimo (plafond) di 2500 euro all’anno. Hype Plus costa invece 1 € al mese, con una ricarica massima di 50.000 euro all’anno e limiti di prelievo più elevati.

Rimani sempre aggiornato

Per te, ogni due settimane, una selezione dei migliori articoli del blog.

Informativa ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. 196/03