Rimani sempre aggiornato

Per te, ogni due settimane, una selezione dei migliori articoli del blog.

Informativa ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. 196/03

Seguici

Che cosa sono i PIR (Piani individuali di Risparmio) e a chi convengono?

Che cosa sono i PIR e a chi convengono?

Cosa sono e come funzionano i Piani individuali di risparmio (PIR): analizziamone rischi, limiti e opportunità.

di Elisabetta Villa - 9 febbraio 2017 - 6'

Con l’inizio del 2017 anche in Italia sono arrivati i PIR (Piani Individuali di Risparmio): strumenti di investimento a medio termine (minimo 5 anni) rivolti anche ai piccoli investitori che hanno lo scopo di veicolare il risparmio dei privati verso le piccole e medie imprese italiane attive nel nostro Paese, con in cambio un’agevolazione fiscale.

Ma cerchiamo di capire nel dettaglio cosa sono i PIR, che vantaggi si ottengono investendo in PIR e quali sono i rischi dell’investimento in PIR.

Che cosa sono i PIR?

Si tratta di un “contenitore giuridico” – che può prendere la forma di fondi comuni d’investimento, gestioni patrimoniali, assicurazioni, depositi titoli – che deve rispettare alcuni vincoli, sia per quanto riguarda la composizione del portafoglio, che per quanto riguarda l’ammontare e l’orizzonte temporale dell’investimento. Se questi vincoli sono rispettati si possono ottenere notevoli vantaggi fiscali. Ma vediamo in dettaglio di cosa si tratta e quali sono i vantaggi dei PIR.

Quali sono i vincoli dei PIR?

Innanzitutto esiste un limite alla concentrazione: non è possibile investire una cifra superiore al 10% del patrimonio del Pir in strumenti emessi dello stesso emittente.

Per riuscire a godere dei benefici fiscali previsti per gli investimenti in PIR è necessario che:

– almeno il 70% della cifra investita sia impiegata per l’acquisto di strumenti finanziari emessi da imprese italiane o europee (a patto che queste ultime dispongano di una stabile organizzazione in Italia);

– di questo 70% almeno il 30% venga investito in aziende che non fanno parte del FTSEMIB (l’indice principale della Borsa Italiana), e cioè deve essere destinato all’acquisto di azioni o obbligazioni emesse da aziende medio piccole;

– il restante 30% può essere destinato ad altri strumenti finanziari, anche ai conti correnti o ai conti deposito.

Inoltre, l’ammontare investito in Pir, sul quale valgono i benefici fiscali, non può superare i 30.000 euro all’anno e ogni singolo investitore non può investire in questi strumenti più di 150.000 euro nel corso dei 5 anni.

L’investimento deve essere mantenuto in vita per un minimo di 5 anni (durata minima) e se si dovesse disinvestire prima, allora verrebbero meno le agevolazioni fiscali.

Si tratta di strumenti finanziari rivolti esclusivamente a persone fisiche, cioè a dire che non possono essere sottoscritti né da aziende né da altre persone giuridiche.

Quali sono i vantaggi dei PIR?

Il PIR presenta notevoli vantaggi dal punto di vista fiscale, visto che se tale investimento viene detenuto per almeno 5 anni non è prevista alcuna tassazione sui redditi. Qualora invece si decidesse di riscattare prima, allora si sarebbe tenuti al pagamento dell’aliquota del 26% prevista per le rendite finanziarie maturate fino a quel momento. Lo stesso dicasi per somme superiori ai 30.000 euro, l’eccedenza verrà tassata come avviene per le altre tipologie di investimento.

Ma dovrebbero esserci vantaggi anche per l’economia reale: le piccole e medie imprese che faticano a reperire fondi per i loro investimenti potrebbero avere un nuovo canale di finanziamento. Gli esempi di Paesi dove sono stati introdotti (per esempio Francia e Regno Unito, dove esistono da tempo) mostrano che i Pir hanno avuto successo.

Tra le novità dell’offerta potrebbe essere introdotta anche la sottoscrizione di PIR da parte di minori. Si tratta di una proposta a cui sta lavorando Assogestioni per sottoporla al legislatore e che punta a massimizzare il vantaggio dell’esenzione fiscale successoria di questo strumento.

Quindi? Vale la pena investire in PIR?

Confesso che i PIR mi piacciono. Mi sembrano un buon modo per far confluire i risparmi degli italiani nell’economia reale (facendo finalmente defluire un po’ di denaro dai soliti noti BTP o obbligazioni bancarie) e anche una “spinta gentile” (Nudge direbbero gli inglesi) verso forme di investimento mature con un orizzonte temporale sensato (sui mercati finanziari non esiste il mordi e fuggi).

Ma come sempre non è tutt’oro ciò che luccica. Anche per l’investimento in PIR dobbiamo tenere a mente le regole di base per evitare di far male al nostro portafoglio:

1) Si tratta di un investimento in linea con i nostri obiettivi? Per cosa stiamo investendo? Tra quanto tempo avremo bisogno di smobilizzare il nostro investimento?

2) Quali sono i rischi dell’investimento? Come abbiamo visto i PIR potranno assumere diverse forme: nasceranno sul mercato fondi azionari, obbligazionari, bilanciati, prodotti assicurativi, … è importante capire quali sono i rischi dell’investimento che stiamo per effettuare.

3) Attenzione ai costi. L’industria del risparmio di solito cavalca buone idee per inventare nuove commissioni e caricare i risparmiatori di costi eccessivi. Sicuri che il vantaggio fiscale promesso dai PIR non venga totalmente divorato dai costi dei nuovi prodotti? Tenete a mente l’esempio dei fondi a cedola dove un prodotto che potrebbe essere interessante spesso nasconde commissioni esose.

Tra i fondi PIR già presenti sul mercato troviamo quelli di AcomeA SGR che, grazie alla modalità execution only, consente di sottoscrivere i fondi a commissioni ridotte direttamente online.

il fondo AcomeA Patrimonio Esente:

AcomeA Patrimonio Esente è un fondo PIR flessibile: investe fino ad un massimo del 40% in titoli azionari e, grazie alla natura del fondo, può cercare di cogliere le migliori opportunità anche negli strumenti finanziari obbligazionari e monetari, avvelendosi della massima flessibilità per quanto riguarda la durata finanziaria (duration).

il fondo AcomeA Italia:

AcomeA Italia è un fondo PIR che investi almeno il 70% dell’attivo in strumenti finanziari di natura azionaria di società italiane di qualsiasi capitalizzazione, operanti in tutti i settori economici. L’obiettivo del fondo è la crescita significativa del capitale investito del lungo periodo e con un livello di rischio alto.

Rimani sempre aggiornato

Per te, ogni due settimane, una selezione dei migliori articoli del blog.

Informativa ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. 196/03