Rimani sempre aggiornato

Per te, ogni due settimane, una selezione dei migliori articoli del blog.

Informativa ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. 196/03

Seguici

Prestito sociale alle coop: dove finiscono i miei risparmi?

Il prestito sociale è un contratto con il quale la cooperativa può fare raccolta presso i soci. Ma il legame tra Coop, finanza e risparmiatori rischia di saltare e di causare il prossimo crack finanziario italiano.

di Elisabetta Villa - 20 novembre 2017 - 4'

14 miliardi, un bottino grande quanto la capitalizzazione di un’azienda come Telecom Italia. Sono i risparmi degli italiani depositati nelle cooperative sotto forma di “prestito sociale”. Ma il circolo vizioso tra Coop, finanza e risparmiatori rischia di saltare e di causare il prossimo crack finanziario italiano.

Cos’è il prestito sociale?

Il prestito sociale è un contratto atipico di deposito con il quale una cooperativa effettua raccolta presso i soci. Il socio che sottoscrive un contratto di prestito sociale, presta i suoi soldi alla Coop ottenendo in cambio una remunerazione.

Così facendo, il risparmiatore crede di risparmiare con un prodotto simile ad un conto corrente o ad un libretto postale. Ed è qui che casca l’asino.

Prestiti sociali: quando il gioco non vale la candela

Rendimenti da fame per rischi concreti. I prestiti sociali promettono un rendimento sulle somme investite che non riflette i rischi assunti dai risparmiatori.

E adesso scopriremo perché. Per prima cosa, è opportuno capire quanto rende un prestito sociale. Per farlo, utilizziamo il simulatore disponibile sul sito Coop Alleanza 3.0, il colosso che gestisce le note catene in Lombardia, Emilia e Veneto.

Un prestito sociale da 12.000 euro, produrrebbe dopo un anno interessi netti di 17,16 euro (0,15%). In sostanza, la Coop ti regala un chilo di parmigiano reggiano (peraltro di medio-bassa qualità).

Per il risparmiatore che investe in prestiti sociali, il rischio più grande è proprio quello di ritrovarsi con un parmigiano in mano.

Tutti i rischi dell’investimento nei prestiti sociali delle coop

Che fine fanno i risparmi investiti nei prestiti sociali? La vicenda si tinge di rosso, soprattutto dopo i recenti crack di CoopCa e Coop Operaie. Le due cooperative hanno dichiarato un fallimento da 130 milioni di euro, bruciando i risparmi di circa 20mila soci.

“I nostri soci possono stare tranquilli: il prestito sociale è ampiamente garantito dalla liquidità e dal patrimonio aziendale”, ha risposto così il Presidente di una nota cooperativa dopo gli scandali.

In realtà, chi sottoscrive un prestito sociale ha almeno 3 motivi per NON stare tranquillo:

1) Le somme depositate sotto forma di prestito sociale non sono garantite!

Se la coop fallisce, non entra in gioco un Fondo di Tutela dei prestiti sociali. Inoltre, i soci risparmiatori sono equiparati ai creditori chirografari e cioè non godono del diritto di prelazione sulla soddisfazione dei crediti in caso di dissesto.

2) Le cooperative non sono vigilate come le banche.

Questo rende i prestiti sociali una materia grigia e poco trasparente. Bankitalia ha soltanto stabilito un limite quantitativo massimo pari a tre volte il patrimonio della società. Ben altre sono le domande che non trovano risposta all’interno di un regolamento di un prestito sociale.

Quali progetti finanziano i prestiti sociali? Come vengono stabiliti i tassi di interesse? Qual è il merito creditizio della cooperativa?

3) Chi vi chiede denaro in prestito, lo fa perché non gli è concesso da altre parti.

Perché le cooperative hanno così tanto a cuore la raccolta attraverso prestiti sociali? Il motivo è molto semplice. Fare leva sui piccoli risparmiatori ignari dei rischi che corrono è la strada più facile per finanziarsi a basso costo.

“Se queste coop emettessero obbligazioni sul mercato dovrebbero pagare tassi due o tre volte più alti”. Ha commentato così Alessandro Pedone, fondatore di Aduc (Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori).

Urge pertanto la necessità di regolare al più presto una pratica poco trasparente e potenzialmente distorsiva per la concorrenza del mercato.

Siamo i primi a dire che non esiste un investimento sicuro e redditizio. Ci auguriamo che le Coop comincino a informare i soci risparmiatori dei rischi insiti nei prestiti sociali.

Quanto alla garanzia, basterebbe già quella sulla qualità dei prodotti che mettiamo in tavola ogni giorno…

Leggi anche:

5 MOTIVI PER CUI IL CONTO CORRENTE NON E’ SICURO

PERCHE’ NON CONVIENE PIU’ INVESTIRE SUL MATTONE

Rimani sempre aggiornato

Per te, ogni due settimane, una selezione dei migliori articoli del blog.

Informativa ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. 196/03