avatar

Perché non conviene più investire sul mattone?

Investire sul mattone è il sogno di ogni italiano. L’immobiliare è stato tradizionalmente uno dei settori trainanti dell’economia italiana e rappresenta circa il 52% della ricchezza totale delle famiglie.
In Italia, però a causa di una carente educazione finanziaria, l’investimento immobiliare è sempre stato considerato come la formula più semplice ed efficace per fare soldi.
Una percezione totalmente distorta della realtà e con ogni probabilità ben lontana dal verificarsi di nuovo con la stessa intensità.  
Oggi, investire sul mattone non garantisce più le certezze (e i rendimenti) di un tempo. Anzi, in alcuni casi rischia di essere un investimento che genera un ritorno negativo. Scopriamo perché.

In una recente intervista rilasciata a Business Insider, il Premio Nobel per l'Economia, Robert Shiller ha dichiarato: 

"La gente deposita tutti i suoi risparmi in una casa, ma una dimora necessita di spese di manutenzione, perde valore e passa di moda. Tutti questi sono dei problemi. L’immobiliare è un settore che alla pari degli altri deve fare i conti con il progresso tecnico. Le nuove case sono migliori delle precedenti e questo toglie valore al prodotto già realizzato".

 "La moda di mettere su casa è qualcosa di relativamente recente. Dal 2000 al 2008 i prezzi non facevano altro che aumentare e poi sappiamo tutti com’è finita(...).
L’investimento in immobili è come comprare un’automobile. Compreresti una casa di 20 o 30 anni a un prezzo superiore e nelle stesse condizioni di quando si acquistò per la prima volta?
Ovviamente non è una buona idea perché la gente non vuole macchine usate. E' lo stesso avviene per le nostre case. Per questi motivi, al giorno d’oggi il mattone non è più uno strumento di investimento redditizio".

 

Qual è il valore che può perdere un immobile negli anni?

Per verificare l’affermazione di Shiller sull’investimento immobiliare, abbiamo raccolto i dati sull'indice dei prezzi immobiliari (house price index) di quattro paesi europei: Italia, Spagna, Francia e Germania.
Considerando il mercato italiano, gli immobili già esistenti nel 2010 hanno perso il 20% del loro valore di mercato in soli 6 anni, mentre in Spagna si sono deprezzati del 26%. Nel caso francese, gli immobili nel 2016 presentavo lo stesso valore del 2010 e soltanto in Germania hanno registrato un aumento delle loro quotazioni.
La previsioni di Shiller si sono dimostrate particolarmente esatte sia per il mercato immobiliare italiano, sia per quello spagnolo. L’Italia e la Spagna rappresentano due casi in cui gli effetti dell’ultima crisi hanno pesantemente colpito il settore immobiliare.

Casa: ma quanto mi costi?

Non è soltanto la perdita di valore nel tempo, ma anche la crescente pressione fiscale a rendere sempre meno appetibile l'investimento immobiliare. 
In Italia, ad esempio, possiamo distinguere cinque categorie di imposte gravanti sugli immobili:

-          di natura «reddituale», in cui viene tassato il reddito prodotto dalla proprietà o dal possesso del bene (IRPEF, IRES)

-          di natura «patrimoniale», il cui presupposto è la proprietà o il possesso del bene (IMU);

-          sui servizi pubblici resi ai proprietari di immobili (TASI);

-          sul trasferimento degli immobili a titolo oneroso (IVA, registro, ipotecaria, catastale);

-          imposte sul trasferimento degli immobili a titolo gratuito (successioni e donazioni);

-          imposte sulle locazioni (cedolare secca, registro e bollo sui contratti di locazione).

La pressione fiscale sugli immobili italiani ha raggiunto punte pari al 70-75% del rendimento lordo. Sembra proprio essere tramontata l’era in cui il mattone riusciva a promettere guadagni sicuri negli anni.

Oggi, è doveroso quindi prestare la dovuta attenzione prima di gettarsi a capofitto nell' investimento immobiliare soltanto perchè spinti dal “sentito dire” di amici e familiari o per la convenienza dei tassi a zero applicati sui mutui. 

Scopri quanto avrebbe fatto un investimento finanziario dal 2010 a oggi. 

Pubblicato il 26 maggio 2017 da Elisabetta Villa staff