Rimani sempre aggiornato

Per te, ogni due settimane, una selezione dei migliori articoli del blog.

Informativa ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. 196/03

Seguici

Difendi i soldi in poche semplici mosse

“Ha investito tutti i risparmi in un fondo sicurissimo che gli dà un rendimento certo se il mercato azionario dell’Uzbekistan sale, in caso contrario c’è un sistema sofisticato che limita le perdite, insomma c’è tutto da guadagnarci. Il consulente gli ha assicurato che l’economia uzbeka non può che continuare a crescere, per una serie di ragioni macroeconomiche evidenti e come del resto ha già fatto negli scorsi anni. In aggiunta ha acquistato uno strumento che segue l’andamento del rame, se il valore di questo sale lui guadagna x10 volte tanto.”

di Luigi Ripamonti - 10 Febbraio 2015 - 5'

Come difendere oggi i propri soldi dalle truffe dietro l’angolo?

“Ha investito tutti i risparmi in un fondo sicurissimo che gli dà un rendimento certo se il mercato azionario dell’Uzbekistan sale, in caso contrario c’è un sistema sofisticato che limita le perdite, insomma c’è tutto da guadagnarci. Il consulente gli ha assicurato che l’economia uzbeka non può che continuare a crescere, per una serie di ragioni macroeconomiche evidenti e come del resto ha già fatto negli scorsi anni. In aggiunta ha acquistato uno strumento che segue l’andamento del rame, se il valore di questo sale lui moltiplica i guadagni per 10.”

La situazione raccontata sopra non è reale ma purtroppo assolutamente verosimile ed è abbastanza rappresentativa di un concentrato di errori e trappole in cui cadono spesso i risparmiatori. Sono infatti innumerevoli gli esempi in cui il correntista di una banca è stato indotto ad acquistare obbligazioni strutturate della stessa banca, prodotti complessi, inutili al risparmiatore e caratterizzati da costi elevati e opachi. O ancora di risparmiatori che decidono di investire su uno specifico mercato inseguendo le previsioni di un qualche guru della finanza o economista. Per non parlare poi di tutti gli investitori che, attratti dall’esca della cedola, hanno sottoscritto un fondo a cedola con la finestra di collocamento. La lista purtroppo potrebbe essere molto lunga.

AcomeA ha deciso di mettere la sua esperienza nel settore al servizio dei risparmiatori, nella convinzione che un investitore più consapevole sia più in grado di scegliere, valutare e apprezzare un prodotto o un servizio. Identificando gli errori più comuni commessi dai risparmiatori quando si occupano dei propri soldi, è nato un vero e proprio “Manuale di autodifesa contro il maltrattamento dei soldi”, disponibile a tutti e scaricabile gratuitamente. Di seguito alcune mosse per difendere i propri risparmi.

Tieni d’occhio i costi

L’attenzione di tutti, risparmiatori e operatori del settore, quando si parla di investimenti, è concentrata sul rendimento. Quanto ha reso, quanto rende? Nessuno può predire l’andamento dei mercati e quindi di un titolo finanziario. C’è però una componente certa dell’investimento che è quella dei costi. Un fondo che costa il 2% annuo, sarà meno redditizio per il risparmiatore di uno che costa l’1%, a parità di risultato della gestione. Parimenti, se per acquistare un prodotto sono previste commissioni di sottoscrizione per il 4%, sarà necessario che lo strumento registri un risultato superiore al 4% il primo anno perché il valore dell’investimento almeno pari al capitale versato. Insomma, tenere in considerazione i costi di un investimento è fondamentale per difendere il rendimento dello stesso, soprattutto su un orizzonte di tempo lungo.

Il non-valore della complessità

Lo strumento più complesso non porta necessariamente risultati migliori. Per soddisfare le esigenze del 95% dei risparmiatori bastano pochi e semplici strumenti. Molto spesso invece banche, promotori e società di gestione propongono ai risparmiatori prodotti complessi millantando possibilità di partecipare a mercati di tendenza, di controllare il rischio o di avere guadagni maggiori, con il solo scopo di nascondere costi elevati per il cliente e aumentare i profitti.

Diversifica

La prima regola per controllare il rischio a cui si espongono i risparmi è diversificare, non affidare l’andamento dei propri capitali a un solo titolo, un solo mercato o una sola asset class. Questo perché se la probabilità che un singolo titolo perda valore sono elevate, la probabilità che i prezzi titoli diversi, in mercati diversi, scendano nello stesso momento è minore. Un portafoglio diversificato può essere costruito con metodo (e una buona disponibilità di capitale) acquistando titoli diversi, oppure attraverso un ETF o un fondo comune, strumenti diversificati accessibili anche con capitali contenuti.

Non giocarti i tuoi risparmi

Sul web aumentano i messaggi che propongono di guadagnare cifre enormi comodamente da casa propria con le opzioni binarie o facendo trading sulle valute. Si tratta tipicamente di strumenti che fanno guadagnare cifre importanti se si realizza un certo evento e nel caso contrario le fanno perdere. Per quanto l’espressione giocare in Borsa sia di uso comune, l’attività di investimento è tutt’altro che eccitante e guidata dal caso. Per ottenere un buon risultato nel tempo è importante seguire un metodo di gestione, acquistando e vendendo gradualmente, diversificando e non seguendo le mode del momento.

Non serve essere esperti di finanza per evitare brutte sorprese. Vuoi iniziare subito a difendere i tuoi risparmi?

Rimani sempre aggiornato

Per te, ogni due settimane, una selezione dei migliori articoli del blog.

Informativa ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. 196/03

Notice: Undefined index: close-forever16501 in /var/www/vhosts/risparmiamocelo.it/httpdocs/wp-content/plugins/paperplane-popup/inc/show-popup.php on line 60