Rimani sempre aggiornato

Per te, ogni due settimane, una selezione dei migliori articoli del blog.

Informativa ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. 196/03

Seguici

L’industria finanziaria della fragilità

L’industria della fragilità si nutre dell’incertezza diffusa, delle paure di chi teme per il proprio posto di lavoro o quello dei propri figli, per la propria stabilità economica. Vive di un paese che non ha più fiducia nel futuro, nelle proprie possibilità di inseguire dei sogni e di fare dei progetti.

di Alessandro Leozappa - 2 Maggio 2014 - 5'

L’industria della fragilità si nutre dell’incertezza diffusa, delle paure di chi teme per il proprio posto di lavoro o quello dei propri figli, per la propria stabilità economica. Vive di un paese che non ha più fiducia nel futuro, nelle proprie possibilità di inseguire dei sogni e di fare dei progetti.

L’espressione, coniata dal giornalista Beppe Severgnini e apparsa in un suo recente editoriale sul Corriere della Sera, è emblematica di una situazione che il nostro paese vive da alcuni anni. L’articolo pone l’attenzione su diversi contesti in cui il cittadino è diventato più fragile tra cui la fiducia nel futuro e nelle proprie potenzialità, la cui crescente mancanza alimenta il mercato del gioco d’azzardo e di ciarlatani che sostengono di vendere le chiavi per il successo, o l’ambito finanziario. A tal proposito è interessante fare un’ulteriore riflessione e osservare come molti operatori finanziari abbiano risposto all’emergere di nuove e pressanti esigenze da parte dei risparmiatori, assecondando le loro paure e impacchettando prodotti che solo in teoria rispondevano a quei bisogni.

La gestione dei soldi è sempre e comunque un tema delicato ma ha assunto negli anni più recenti un particolare contorno di preoccupazione e ansia. La recente crisi non solo ha colpito il patrimonio finanziario di chi ha perso soldi su azioni, obbligazioni o fondi comuni ma, più generalmente, ha aumentato l’insicurezza finanziaria degli italiani.

Le difficoltà economiche da un lato e la maggiore avversione al rischio, nella forma di non disponibilità a incorrere in perdite (psicologicamente prima ancora che finanziariamente), fanno sì che un numero sempre maggiore di risparmiatori sia alla ricerca del rendimento certo: un prodotto che renda anche poco, ma che sia sicuro. Questo atteggiamento non è un’assoluta novità per le famiglie italiane, da sempre poco avvezze agli investimenti azionari a cui sono sempre stati preferiti i titoli di Stato (il buon vecchio BTp), le obbligazioni, e il mattone (l’investimento più sicuro del mondo), tuttavia la crisi ha infranto molte di queste certezze. Tra il 2010 ei il 2011 il prezzo dei titoli di Stato italiani si è quasi dimezzato in dodici mesi, toccando il fondo a novembre 2011, e una sorte molto simile è toccata a tante obbligazioni societarie, per non parlare dell’immobiliare su cui assistiamo a una contrazione dei prezzi ininterrotta dal 2007. Questo scenario ha acuito il bisogno di sicurezze da parte dei risparmiatori; un’esigenza della domanda che è stata prontamente recepita (e alimentata) dall’offerta. L’industria bancaria e finanziaria in genere si è, infatti, attrezzata per andare incontro al disperato bisogno dei risparmiatori di acquistare solo prodotti che rendessero qualcosa ma che non perdessero mai.

Questa millantata caratteristica è una costante in molti dei prodotti più acquistati dagli italiani negli ultimi anni. Troviamo ad esempio i conti deposito dai rendimenti (un tempo) generosi, che hanno attratto capitali concorrendo tra di loro nell’offrire tassi di interesse sempre più elevati. Così facendo però stavano mettendo a rischio la solidità della banca e, in ultima istanza, il sistema economico perché, in quanto banche, se non fossero state in grado di onorare i propri debiti è facile immaginare che sarebbero stati chiamati in causa i contribuenti a tappare i buchi. Vengono in mente anche i Buoni Fruttiferi Postali, che vendono la protezione del capitale, ma a costi tanto elevati da avere un rendimento inferiore all’inflazione attuale e quindi una “sicura” erosione in termini reali del capitale investito.

Tuttavia primi fra tutti, nell’insieme di questi prodotti che si nutrono della fragilità degli investitori, del bisogno di certezza a tutti i costi, spiccano i fondi a finestra di collocamento, che attraggono i risparmiatori con la garanzia della cedola, salvo però poter pagare quella cedola rimborsando parte del capitale investito. Insomma i risparmiatori pagano per avere la certezza che gli sia erogata una cedola, piuttosto anche pagata con i propri soldi, se l’andamento del fondo non avesse guadagnato abbastanza. Ovviamente quando i fondi arriveranno a scadenza, se dovessero rimborsare meno di quanto è stato investito, le società di gestione o banche che li hanno venduti diranno che questa eventualità era chiaramente prevista dal contratto. Di fronte all’attrattiva di una cedola “certa” però, chi ha potuto resistere?

La crisi è ancora in atto, le difficoltà che pone sono oggettive ed è normale e salutare che si scelga di non correre rischi inutili nella gestione delle proprie finanze. È bene tuttavia avere presente che non si può pretendere l’impossibile, e se qualcuno ve lo vende, vi sta imbrogliando. Uno strumento finanziario che abbia un rendimento, per quanto contenuto, ma certo e sicuro per sempre non è di questo mondo. Interiorizzare questa considerazione, per quanto possa sembrare banale, può essere un primo passo per evitare di fare gli investimenti sbagliati e vedere, con certezza, il vostro capitale mangiato dai costi.

Rimani sempre aggiornato

Per te, ogni due settimane, una selezione dei migliori articoli del blog.

Informativa ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. 196/03

Notice: Undefined index: close-forever16501 in /var/www/vhosts/risparmiamocelo.it/httpdocs/wp-content/plugins/paperplane-popup/inc/show-popup.php on line 60