Rimani sempre aggiornato

Per te, ogni due settimane, una selezione dei migliori articoli del blog.

Informativa ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. 196/03

Seguici

Perché le famiglie italiane non sono più le formiche d’Europa?

I tassi di risparmio delle famiglie italiane sono scesi sensibilmente a partire dall'ultima crisi finanziaria. Cosa ci ha portato a risparmiare sempre meno?

di Piero Cingari - 2 Dicembre 2019 - 4'

Complice la stagnazione dei redditi negli ultimi decenni, le famiglie italiane hanno perso lo status di formiche d’Europa.

Nel 2004, quindici anni fa, il tasso di risparmio degli italiani, calcolato come percentuale di reddito annuale non destinata al consumo, si attestava intorno al 15% e superava il tasso medio dell’Eurozona. Soltanto la Germania e il Belgio mostravano un tasso di risparmio più alto di quello delle famiglie italiane.

Oggi, il quadro attuale è abbastanza cambiato rispetto ad allora. Le famiglie italiane risparmiano mediamente solo il 10% del loro reddito annuo. Oltre ad essere il livello di risparmio più basso della nostra storia, oggi ci collochiamo ben al di sotto della media dell’Eurozona (14%). Inoltre, si è ampliato il gap con i tassi di risparmio delle famiglie tedesche, che oggi accantonano circa il 19%.

Fonte: Commissione Europea (AMECO)

Perché gli italiani risparmiano sempre meno?

La caduta del tasso di risparmio degli italiani è stata causata da un brusco calo dei redditi reali.

A partire dalla crisi del 2008, e poi con la crisi dei debiti sovrani periferici, l’ aumento del carico fiscale, il congelamento delle spese e degli investimenti pubblici il e calo dei salari reali sono stati i principali strumenti che hanno portato al consolidamento delle finanze pubbliche dei paesi in difficoltà.

Dal 2009, il reddito reale ha subito una decelerazione significativa in alcuni paesi stressati come l’Italia e la Grecia.

Fatto 100 il reddito reale che percepivamo nel 2007, ancora oggi i nostri redditi sono più bassi di circa 7 punti percentuali. Peggio di noi soltanto la Grecia, dove i redditi sono più bassi del 20% rispetto al 2007.

In Germania e nelle altre economie europee, invece, il reddito reale disponibile ha continuato a crescere nel periodo più recente, permettendo di aumentare i consumi e mantenendo il tasso di risparmio ad un livello relativamente stabile.

Fonte: Commissione Europea (AMECO)

Come fare per risparmiare e investire piccole somme mensilmente?

La caduta dei redditi ha portato le famiglie italiane a risparmiare di meno. Questo non significa che devi privarti del diritto al risparmio, sancito anche dalla nostra Costituzione. Risparmiare denaro può infatti aiutarti a diventare finanziariamente sicuro e ti fornisce una rete di sicurezza in caso di imprevisti.
Oggi le possibilità e modalità di risparmiare anche pochi soldi ogni mese sono più semplici grazie alle innovazioni offerte dal Fintech.

Infatti, è possibile risparmiare a partire da soli 5 euro grazie all’app Gimme5. Gimme5 consente ai risparmiatori di tutte le età di investire in fondi comuni, e cioè portafogli diversificati e gestiti professionalmente da una società di gestione del risparmio.

Con Gimme5, è possibile scegliere il fondo più adatto in base ai propri obiettivi di risparmio e fissare dei meccanismi automatici per accumulare più risparmi nel tempo.

Clicca sul bottone sotto e iscriviti a Gimme5 con un welcome bonus da 5 euro!

Rimani sempre aggiornato

Per te, ogni due settimane, una selezione dei migliori articoli del blog.

Informativa ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. 196/03

Notice: Undefined index: close-forever16501 in /var/www/vhosts/risparmiamocelo.it/httpdocs/wp-content/plugins/paperplane-popup/inc/show-popup.php on line 60